Bambini ciliaci: come si manifesta e come affrontare il problema

Questo articolo è stato letto 5545  volte

Difficoltà nella digestione, diarrea e gonfiore addominale, stanchezza.

Quando il glutine diventa un problema per i più piccoli

La Celiachia è una problematica alimentare sempre più diffuso e spesso non è facile accorgersene, soprattutto nei bambini; ma esiste una lunga storia medica e la soluzione c’è.

Cos’è la celiachia?

Si tratta di un’infiammazione permanente, a livello dell’intestino tenue che avviene nel momento in cui si ingerisce quella frazione proteica chiamata glutine, presente nei cereali come grano, orzo e segale. Gli alimenti interessati quindi sono tutti i derivati di questi ingredienti: pane, pasta, pizza, biscotti, ecc.

I sintomi nei bambini sono difficoltà nella digestione, diarrea e gonfiore addominale, stanchezza, fino al rallentamento visibile nella crescita nei casi più gravi.

Molto importante tenere presente che solo il 3% della popolazione mondiale ne è veramente affetto; molto spesso infatti si riscontra una forma più lieve, chiamata intolleranza al glutine, che può avere diversi livelli di intensità ma comunque presenta meno pericoli per la salute.

La malattia è inoltre essenzialmente genetica, anche se esistono dei fattori scatenanti ancora in fasi di studio: quindi la storicità del problema in famiglia è un indizio, in un senso e nell’altro. Per effettuare una diagnosi è fondamentale rivolgersi subito al proprio medico-pediatra il quale prescriverà i test necessario atto a stabilire appunto la reale entità della situazione del vostro bambino e consigliarvi come seguirlo.

L’unico rimedio attualmente efficace è una attenta dieta senza glutine: vanno eliminati quindi tutti gli alimenti a base di farina di grano duro (pasta), tenero (biscotti, pane) e orzo.

Le alternative però esistono e sono molte: oltre alla carne, le verdure, gli ortaggi e la frutta, anche le patate non contengono glutine, come anche tutti legumi.
Il riso e il mais ugualmente sono gluten free e possono essere utilizzati nelle loro forme farinacee: è comune ormai trovare nei principali supermercati e nei negozi specializzati, ampia gamma di prodotti alternativi gluten-free, approvati dall’Associazione Nazionale Ciliaci.

E’ importante anche fare attenzione alla “contaminazione” dei prodotti, volontaria o accidentale, quindi usare utensili separati per i soggetti ciliaci e domandare esplicitamente al personale dei locali pubblici, nel caso non ci si trovi a casa, di avere dei prodotti gluten-free.

La diagnosi del proprio medico infine permette di accedere al Servizio Sanitario Nazionale di erogazione delle quote alimentari per celiaci che, attraverso la Tessera Sanitaria e un codice numerico, permettono dia acquistare i prodotti gluten free gratuitamente.

FAI CONOSCERE A FONDO IL TUO PRODOTTO: PUBBLICHIAMO PER TE UN ARTICOLO

Non perderti le novità

Inserisci nuovi elementi al tuo articolo n°1915

PROMO € 15

Pubblica nella categoria di pregio, inserisci un link esterno con proprietà dofollow, incorpora un video Youtube e carica altre 2 immagini