Svezzamento e auto svezzamento: le differenze

Questo articolo è stato letto +12K  volte

Lo svezzamento o alimentazione complementare segna per il neonato il passaggio da un nutrimento esclusivamente a base di latte a un piano alimentare composto da latte e altri alimenti.

Questa integrazione si rende necessaria perché il latte, già a partire dai 6 mesi e qualche volta anche prima, inizia a perdere la sua completezza per alcune vitamine e sali minerali. Con l’introduzione di altri alimenti, definiti per questa ragione “complementari”, è possibile andare a coprire a queste carenze e garantire al bambino una nutrizione adeguata, coerente e proporzionale alla sua crescita.

Con l’inizio dello svezzamento, l’allattamento materno dovrebbe proseguire almeno fino al primo anno di vita del bambino, e sovente anche oltre l’anno. In questo caso, molto dipende dalla volontà di mamma e bambino.

Quando iniziare lo svezzamento?

Non è la mamma a decidere il momento adatto a iniziare lo svezzamento. In materia c’è proprio una regolamentazione mondiale che lo stabilisce: infatti secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e il Fondo per l’Infanzia dell’ONU (UNICEF), il latte umano resta l’alimento ideale esclusivo per i bambini fino a 6 mesi di vita.

Salvo rarissimi casi, non è opportuno iniziare lo svezzamento prima della fine del 6° mese di vita del bambino, poiché prima di questa età il neonato bambino non sarebbe in grado ad assumere cibi solidi.

Si stabilisce, dunque, a sei mesi di vita, la possibilità per il bambino di deglutire i solidi. In questa fase, il lattante apre la bocca al cucchiaio, gira il viso per rifiutarlo, afferra gli oggetti con le mani per portarli alla bocca e riesce a stare seduto sul seggiolone.

Pappa classica o auto svezzamento?

Lo svezzamento è un processo non semplice ed è importante seguire anche i tempi del bambino, senza imporsi e imporre da subito schemi troppo rigidi in merito a numero, quantità e orario dei pasti. Il trucco per riuscire a svezzare un bambino? Non c’è, infatti bene è sapere che non esiste né la formula magica, né il cosiddetto metodo infallibile per introdurre i cibi solidi nella dieta del bambino: ogni famiglia dovrà trovare la propria strada, seguendo i suggerimenti e le linee guida del proprio pediatra.

Mamma e papà saranno di fronte a una scelta “di pancia”: proporre al bambino la classica pappa, offrire alimenti in purè o degli omogeneizzati preparati in casa, o scegliere l’auto svezzamento.

Qualunque sia la scelta attuata, è indispensabile coordinarsi il proprio pediatra, l’unica figura preposta e autorizzata a fornire i suggerimenti più adeguati perché la combinazione di carboidrati, proteine, grassi, vitamine e sali minerali sia bilanciata, in modo da evitare squilibri nutrizionali, come carenze o eccessi.

Auto svezzamento, i pediatri dicono sì!

L’auto svezzamento, noto anche come alimentazione complementare “a richiesta”, è un processo nutrizionale complementare che rispetta l’innata capacità del bambino di autoregolazione.

Ai genitori è demandato il compito di rendere adeguato il cibo a disposizione del bambino, senza seguire rigidi schemi temporali né calendari per l’inserimento dei diversi alimenti. Quando il bambino, compiuti i sei mesi, inizierà a interessarsi al cibo che i genitori mangiano, andrà semplicemente assecondato: in occasione di qualsiasi pasto potrà liberamente attingere dai cibi presenti a tavola, usando le mani e imparando ad essere autonomo immediatamente.

Naturalmente la dieta familiare dovrà essere corretta sotto tutti i punti di vista, qualitativo e quantitativo (sarà bene controllarla con il pediatra). Per far sì che il bambino sia libero di esplorare e di familiarizzare con nuovi alimenti, è importante che i genitori lo rendano partecipe, tenendolo a tavola con loro e condividendo con lui il momento del pasto.

In ogni caso non è necessario che i genitori modifichino le proprie abitudini alimentari (a meno che queste non siano inadeguate o non salutari) neanche rispetto ai ritmi e alla durata del pasto: sarà il bambino ad adattarsi piano piano.

FAI CONOSCERE A FONDO IL TUO PRODOTTO: PUBBLICHIAMO PER TE UN ARTICOLO

Non perderti le novità

Inserisci nuovi elementi al tuo articolo n°647

PROMO € 15

Pubblica nella categoria di pregio, inserisci un link esterno con proprietà dofollow, incorpora un video Youtube e carica altre 2 immagini