Comprendere il metabolismo del glicogeno: perché ridurre i carboidrati favorisce la perdita di peso e acqua

Questo articolo è stato letto 6679 volte

Scopri come il tuo corpo usa e immagazzina i carboidrati e perché la restrizione può portare a perdite rapide di... acqua.

Il glicogeno è una macromolecola composta principalmente da α-glucosio, funge da riserva energetica, ed è continuamente degradato e ricostituito nel corpo. Ne troviamo circa 100g nella massa cellulare corporea, in gran parte situato nel fegato. Questa riserva di glicogeno epatica può essere usata come riserva energetica per gli altri organi.

La struttura del glicogeno consente a molte unità enzimatiche di agire contemporaneamente, rendendo rapidi sia la sintesi che la degradazione. Questa capacità di risposta rapida al metabolismo del glicogeno è fondamentale per l’adattamento alle esigenze energetiche del corpo.

La sintesi e la degradazione del glicogeno vengono catalizzate da enzimi presenti nel citoplasma. Quando c’è un eccesso di glucosio disponibile, viene convertito in glicogeno per la riserva (anabolismo). Al contrario, quando c’è un bisogno di glucosio, il glicogeno viene degradato (catabolismo). Il principale enzima coinvolto nella degradazione del glicogeno è la glicogeno fosforilasi, che scinde un legame α-1,4 glicosidico producendo glucosio 1-fosfato.

Il glucosio ottenuto dai muscoli dalla degradazione del glicogeno viene usato per la produzione di energia attraverso la glicolisi, mentre nel fegato viene convertito in glucosio libero, che viene poi rilasciato nel torrente circolatorio. Questo processo è controllato da un segnale ormonale che attiva una via e blocca l’altra, garantendo un equilibrio tra la sintesi e la degradazione del glicogeno.

Durante periodi di stress fisico o per cause nervose, l’adrenalina viene secreta dalle ghiandole surrenali. L’adrenalina agisce sul fegato, sui muscoli e sul tessuto adiposo, promuovendo la degradazione del glicogeno e la liberazione di glucosio per fornire energia.

Ora, perché un grammo di glicogeno è legato a 3 grammi di acqua? Il glicogeno è idrofilo, ovvero ha la capacità di legare e trattenere l’acqua. Per ogni grammo di glicogeno immagazzinato, il corpo trattiene circa 3 grammi di acqua. Questo è il motivo per cui i livelli di idratazione possono variare a seconda delle quantità di glicogeno presenti nel corpo.

In termini di dieta, se consumi meno carboidrati, il tuo corpo userà le sue riserve di glicogeno per energia. Quando queste riserve vengono utilizzate, il corpo perde anche l’acqua legata al glicogeno. Questo spiega perché le diete a basso contenuto di carboidrati possono portare a una perdita di peso rapida iniziale, ma è importante notare che questa perdita è in gran parte dovuta alla perdita di acqua piuttosto che al grasso corporeo.

FAI CONOSCERE A FONDO IL TUO PRODOTTO: PUBBLICHIAMO PER TE UN ARTICOLO