Il media di riferimento per le donne moderne: il sito dedicato alle mamme di oggi e domani, dove trovare consigli, ispirazioni e supporto.

Stress postparto: come riconoscerlo e gestirlo

Questo articolo è stato letto +15K  volte

OKmamma

Lo stress postparto può essere una reazione legata alla diminuzione dei livelli ormonali, ma non solo.

La nascita di un figlio, a volte, ha conseguenze sulla salute priscofisica della mamma

Nove mesi di attesa, con tutte le preoccupazioni che accompagnano la prima gravidanza, ma ora hai tra le braccia il tuo bambino. Non ti sembra vero; dopo tanta pianificazione, tante visite mediche, finalmente è arrivato il momento! Tuttavia, nelle prime settimane, la tua gioia può essere offuscata dalle preoccupazioni: mangia abbastanza? Perché piange così spesso? Ha qualche problema di salute? Queste ed altre domande finiscono per occupare gran parte dei tuoi pensieri, sia di giorno sia di notte, rendendoti irritabile e nervosa. Tali stati d’animo sono causati, probabilmente, dallo stress postparto. In questo articolo, capiremo come riconoscerlo e gestirlo.

La nascita del primo figlio

La nascita del primo figlio è un evento straordinario che cambia la vita e le abitudini di una coppia. Il tempo libero diminuisce, le esigenze del bambino influiscono sull’intimità, inoltre, bisogna fare i conti con i nuovi ruoli di madre e padre. E’ in questi momenti che vengono fuori delle problematiche che possono far vacillare un rapporto, ma i neo genitori devono comprendersi e incoraggiarsi a vicenda per superare le difficoltà. Cosa accade, però, quando a questo si aggiunge lo stress postparto?

Cos'è lo stress postparto

Lo stress postparto è una reazione, non così rara, legata alla diminuzione dei livelli ormonali dopo il parto e può farti sentire spossata, triste e senza voglia. Tuttavia, questi sintomi sono lievi e passano dopo un paio di settimane. Quando, però, persistono e diventano debilitanti, devono far accendere un campanello d’allarme: potrebbe trattarsi di ansia o depressione postparto.

Quali sono i sintomi di ansia e depressione postparto

Le mamme che soffrono di depressione postparto, comunemente, possono avere anche sintomi di ansia. Una diagnosi corretta è, quindi, molto importante, poiché le donne con ansia postparto potrebbero non rispondere altrettanto bene a determinati trattamenti per la depressione postparto. Vediamo, nello specifico, quali sono i principali sintomi da attenzionare. 

Depressione postparto

  • tristezza;
  • senso di colpa;
  • ansia;
  • senso di inutilità;
  • difficoltà a concentrarsi;
  • disturbi del sonno e dell’appetito;
  • perdita di interessi e mancanza di energie.

Ansia postparto

  • umore instabile;
  • nervosismo;
  • tristezza ingiustificata;
  • irritabilità;
  • pianto improvviso e immotivato;
  • difficoltà di concentrazione;
  • disturbi del sonno.

In conclusione, se ti trovi in una situazione simile, non avere timore di parlarne con il tuo partner o chiedere aiuto ad uno specialista e ad un’associazione impegnata nel settore. Uscire da queste situazioni è possibile e può essere semplice, se affrontate in tempo, in maniera corretta e con il giusto piglio. 

Da non sottovalutare è anche il sonno. Capita sovente che taluni bambini costringano i genitori a continui risvegli, a passare intere notti in bianco. Questa condizione non è poi così rara e può andare avanti per svariati mesi, se non arridirttura per 1 o più anni.

Una situazione del genere può essere devastante per i genitori e per la loro salute, anche di coppia.

Non perderti le novità

Contenuti di questa pagina

Inserisci nuovi elementi al tuo articolo n°1758

PROMO € 15

Pubblica nella categoria di pregio, inserisci un link esterno con proprietà dofollow, incorpora un video Youtube e carica altre 2 immagini