Come proteggere i figli su internet

Questo articolo è stato letto +11K volte

Poche ma chiare regole che proteggano i bambini e riducano l'ansia ai genitori

Il problema non è la rete. Navigare può essere educativo e funzionale all'apprendimento

La sicurezza dei bambini online è una preoccupazione concreta, uno stress che i genitori devono imparare a controllare, in tutti i sensi, perchè con l’uso sempre più diffuso di smartphone e computer da parte dei più piccoli, è importante che i genitori adottino misure per proteggere se stessi e soprattutto i loro figli.

Sebbene la sicurezza assoluta non esista, ecco alcuni suggerimenti che sarebbe adottare.

Monitoraggio: è importante che i genitori monitorino regolarmente l’attività online dei loro figli, inclusi i contenuti che condividono e i siti web che visitano. Questo aiuta a identificare eventuali comportamenti o siti pericolosi.

Regole chiare: i genitori dovrebbero definire regole chiare per l’uso di smartphone e computer da parte dei bambini, incluse restrizioni sui siti web che possono visitare e sulle app che possono scaricare/utilizzare.

Utilizzo di software di filtraggio: i genitori possono installare software di filtraggio che blocchi automaticamente i siti web inappropriati o pericolosi. Questi software possono anche inviare avvisi ai genitori in caso di attività online sospette.

Educazione sulla sicurezza online: è importante che i bambini imparino a riconoscere i pericoli online e come proteggere la loro privacy. I genitori possono incoraggiare i loro figli a confrontarsi e parlare di eventuali “incontri” sospetti o inquietanti online. 

Limiti di tempo: i genitori possono anche imporre limiti di tempo per l’uso di smartphone e computer da parte dei loro figli, per evitare che trascorrano troppo tempo online.

Il parental control, per esempio, è il sistema gratuito che permette ad un genitore di monitorare o bloccare l’accesso a determinati url, e di decidere quanto il dispositivo è utilizzabile. Saper utilizzare questa soluzione è già un ottimo punto di partenza.

Inoltre, se necessario, è possibile configurare il router di casa e consentire o meno la visualizzazione di risorse e siti a determinate apparecchiature. Se non sapete come fare, contattate il vostro gestore che sicuramente saprà darvi la giusta assistenza.

La scuola dovrebbe dedicare del tempo all'educazione digitale dei ragazzi

In sintesi, i genitori possono e devono proteggere i loro figli dai pericoli in rete monitorando le attività online (cronologia di navigazione), impostando regole chiare, utilizzando sistemi di filtraggio (parental control) e imponendo limiti di tempo per l’uso di smartphone e computer. Questi passaggi possono aiutare a garantire la sicurezza dei bambini e a ridurre sensibilmente l’ansia ai genitori.

Anche gli insegnanti dovrebbero affrontare l’argomento e sensibilizzare i ragazzi all’uso consapevole della tecnologia. Il problema sulla sicurezza digitale, andrebbe gestito già dai primi anni di scuola primaria, magari coinvolgendo consulenti esterni esperti di settore.

Sicurezza in rete?

NeoConnessi offre a docenti, genitori e nonni risorse educative, approfondimenti, spunti di riflessione e consigli per accompagnare i bambini dai 9 agli 11 anni alla scoperta del mondo digitale in maniera sicura ed equilibrata.

Non perderti le novità

Contenuti di questa pagina

Inserisci nuovi elementi al tuo articolo n°1565

PROMO € 15

Pubblica nella categoria di pregio, inserisci un link esterno con proprietà dofollow, incorpora un video Youtube e carica altre 2 immagini