Il media di riferimento per le donne moderne: il sito dedicato alle mamme di oggi e domani, dove trovare consigli, ispirazioni e supporto.

Intervista a Eleonora Rocca Fondatrice & Managing director della community ed evento sull’empowerment femminile WomenX Impact

Fra le prime donne a occuparsi di innovazione e strategie digitali in Italia.

Questa intervista è stata letta +197K volte

Eleonora Rocca, Founder & CMO della Digital Factory Horizone e Founder di WomenX Impact

Fra le prime donne a occuparsi di innovazione e strategie digitali in Italia, Eleonora Rocca, romana di origini e londinese d’adozione, laureata in Giurisprudenza con un Master in Marketing e Comunicazione presso la Business School del Sole 24 Ore e un Corso di Specializzazione in Evolution Marketing e Social Media presso lo IED di Milano, ha un lungo curriculum costellato di importanti esperienze nei campi marketing e sales, da quella per Hewlett Packard a quelle per Roberto Cavalli, Privalia, Microsoft, Kingston Technology, TP-LINK e ZONES inc. Tutto questo tra Roma, Milano e infine Londra, dove vive e risiede da 10 anni. 

Ha dato vita al suo primo sogno imprenditoriale fondando da sola uno degli eventi piu’ importanti d’Italia Digital Marketing, Social Media e Innovazione e portandolo da zero all’exit in soli 3 anni. 

Nel 2019 è stata selezionata insieme ad altri 90 leader mondiali per frequentare l’Executive Program di Singularity University in Silicon Valley . 

Oggi Co-Founder, Vice-President e Chief Marketing Officer della Digital & Content Factory Horizone Group nonche’ Fondatrice e Managing Director di WomenX Impact, la community e l’evento internazionale ormai punto di riferimento in Italia sui temi della leadership, dell’empowerment e dell’imprenditoria femminile. 

Svolge regolarmente attività di speaking engagement, di consulenza di digital marketing e formazione per aziende su numerosi temi quali: digital marketing, innovazione, comunicazione efficace, personal branding , imprenditoria e diversity & inclusion. 

Tra i clienti con cui ha lavorato: TIM, Maserati, Universita’ Bocconi, UniCredit, KPMG , Unilever, Findomestic Donna, Eni, Olympus e Fleishman Hillard (PR Agency di fama internazionale parte del gruppo Omnicom a Londra). 

WomenX Impact

Eleonora Rocca fondatrice WomenX Impact

Ciao Eleonora, come hai iniziato la tua carriera imprenditoriale e cosa pensi di questa nuova epoca in cui stiamo vivendo con “donne imprenditrici” finalmente alla ribalta?

Mi sono laureata in giurisprudenza, ma ho deciso di occuparmi di Marketing. Il mio sogno era sempre stato quello di fare un lavoro creativo. Ho deciso di portare a termine la mia laurea ma, successivamente, ho cambiato strada e ho trovato un lavoro che mi permettesse di massimizzare i miei talenti. Ho iniziato a lavorare in una grande multinazionale a soli 20 anni, quindi già durante l’Università. Dopo il master in Marketing e Comunicazione presso la Business School del Sole 24 Ore, sono diventata Product Marketing Manager in Microsoft. Nove anni fa mi sono trasferita a Londra, dove ho fatto un importante percorso di crescita professionale: sono passata da posizioni da Mid Senior Manager a posizioni da Head of Marketing, sviluppando tutte quelle competenze che mi sono poi servite per poter diventare imprenditrice. Così ho creato la mia prima attività di successo. Nonostante le difficoltà sono riuscita in pochi anni a crescere tantissimo sia come persona sia come professionista. Infine, in piena pandemia, ho lanciato WomenX Impact e ho costruito la splendida community che si è creata intorno a questo evento. La mia passione per il mondo digital risale però al 2012, quando ho ideato il mio blog di moda e lifestyle. Questo mi ha aperto le porte per tante opportunità, che mi hanno portata nei due anni successivi a lanciare uno degli eventi più seguiti d’Italia in ambito social media marketing, grazie alla collaborazione con l’importante testata americana Mashable. Così è cominciata la mia carriera nel digital che si è poi trasformata in tante altre esperienze e collaborazioni importanti. Tutte mi hanno resa l’imprenditrice digitale e la professionista che sono oggi. Cosa penso di questa nuova epoca in cui stiamo vivendo con “donne imprenditrici” finalmente alla ribalta? Solo due parole: ERA ORA. Finalmente stiamo vivendo un momento di cambiamento, dove molte donne stanno cominciando a credere maggiormente in quello che possono fare e/o diventare. Lo trovo dunque positivo.

Parlando sempre di business tinto di rosa, come vedi l’impatto delle donne nel mondo degli affari nei prossimi anni, visto che ormai poltrone una volta assegnate a soli uomini sono occupate anche da noi?

L’impatto delle donne nel mondo degli affari è destinato a crescere sicuramente, proprio grazie al progressivo aumento del loro accesso a posizioni di leadership e alla loro crescente presenza nei settori tradizionalmente maschili. La partecipazione delle donne in posizioni di responsabilità rappresenta una risorsa importante per le aziende, in quanto porta una maggiore diversità di prospettive e una maggiore attenzione alle questioni di genere e di inclusione. Inoltre, l’innovazione e la creatività sono essenziali per la competitività delle aziende, e le donne possono portare una maggiore diversità di pensiero e di idee, stimolando la creatività e la capacità di innovazione dell’intera organizzazione. Ciò può portare a un maggiore successo nell’acquisizione di nuovi clienti, nell’aumento della produttività e nella generazione di nuovi modelli di business. La cosa anche importante da sottolineare e’ che questo non lo diciamo noi come WomenX Impact , ma e’ risultato di report e ricerche pubblicate dalle piu’ importanti societa’ di consulenza del mondo ovvero: e’ provato che i team ‘diverse’ quindi costituitti di persone non solo di sesso differente ma anche di background e culture differenti performa meglio e di conseguenza anche l’impatto sui risultati di business risulta essere migliore. Nonostante questo, molto è ancora il lavoro da fare per raggiungere l’uguaglianza di genere nel mondo degli affari ma è proprio per questo che servono community come la nostra.

Quali sono i tuoi consigli per le donne che vogliono avviare un’attività imprenditoriale  e che importanza dai al personal branding per l’ottenimento del successo della nascente startup?

Il mio consiglio è quello di essere curiose, appassionate, preparate e veloci ma soprattutto aperte verso nuove strade e nuove collaborazioni. Bisogna sempre più essere in grado di essere imprenditrici di se stessi nel modo giusto, costruendo la propria carriera con impegno e voglia di fare, giorno dopo giorno. I percorsi che portano risultati e soldi facili non esistono, sono grandi bugie, a cui molti credono ma credo che prima o poi i nodi verranno al pettine, quindi studiare, lavorare e formarsi nel modo giusto sono senz’altro gli elementi chiave di una formula di successo in tutti i campi.

Competitività. Cosa significa? Come lo spiegheresti alle nostre amiche lettrici?

Legherei la competitività alla formazione come due facce della stessa medaglia. Una formazione imprenditoriale di qualità può aiutare le imprenditrici a sviluppare le competenze necessarie per creare un’azienda competitiva, in grado di affrontare le sfide del mercato e di prosperare. Ciò implica acquisire una serie di competenze come la capacità di analizzare il mercato, di identificare i bisogni dei clienti, di sviluppare un’offerta di prodotti o servizi adatta a soddisfare tali bisogni, di sviluppare una strategia di marketing efficace, di gestire le finanze dell’azienda e di sviluppare una cultura aziendale positiva e orientata al successo. La formazione imprenditoriale è fondamentale per sviluppare le competenze necessarie per creare un’azienda competitiva e di successo, che possa distinguersi dalla concorrenza e raggiungere i propri obiettivi di business.

Quali sono state le sfide più grandi che hai affrontato nella tua carriera imprenditoriale?

Le difficoltà per le donne imprenditrici sono a mio avviso maggiori che per gli uomini, perchè tendiamo ad essere più emotive e di conseguenza più vulnerabili , e questa sicuramente è stata anche la mia esperienza. In generale, per molte donne diventa spesso davvero complesso conciliare lavoro e famiglia, proprio perchè il grosso della gestione familiare è ancora principalmente in capo alle donne e di conseguenza si trovano spesso a dover mettere da parte i propri sogni.

Rimanendo sempre sul tema, la sfida più grande è quella con se stessi attraverso una costante e meticolosa crescita personale?

Assolutamente sì, la sfida più grande che ognuno di noi affronta nella vita è quella di crescere e migliorare costantemente a livello personale. Questo è un processo continuo che richiede una forte dose di disciplina, perseveranza e umiltà. La crescita personale coinvolge diverse aree della nostra vita, tra cui la nostra salute mentale, emotiva e fisica. Significa sfidare continuamente se stessi a migliorare, superare le proprie paure e le proprie limitazioni, e raggiungere i propri obiettivi. Tuttavia, spesso richiede di uscire dalla propria zona di comfort e di affrontare situazioni nuove e sconosciute. Ci sono anche momenti in cui si incontrano ostacoli e fallimenti lungo il cammino. Ma la crescita personale ci insegna a superare questi momenti difficili, a trarne insegnamenti e a perseverare per raggiungere i nostri obiettivi.

Viviamo in un mondo sempre più popolato, frenetico, dove emergere sarà sempre più difficile. Secondo il tuo punto di vista, una ragazza quale percorso di studi ed esperienze deve intraprendere per essere pronta al mondo del lavoro nel prossimo decennio?

In un mondo in continua evoluzione, dove le competenze richieste dal mercato del lavoro cambiano rapidamente, è importante prepararsi in modo adeguato per affrontare le sfide del futuro, anche attraverso il mentoring ed il confronto con chi ha più esperienza. Molte sono le competenze su cui si può puntare dal digitale, all’apprendimento delle lingue fino all’esperienze internazionali. Ma ciò che è veramente importante è lavorare su se stessi, sulle proprie soft skills e soprattutto capire quali sono gli obiettivi che si vogliono raggiungere.
 

Parliamo di WomanX Impact. Siamo tutte in trepidante attesa. Ci racconti qualcosa che ancora non sappiamo (se puoi) e ci dici com’è nata questa iniziativa?

Women xImpact nasce nel dicembre 2020 da un’idea che ho sviluppato durante la mia carriera professionale nel settore tech, ancora oggi dominato da uomini, presso grandi aziende tra Roma, Milano e Londra, dove risiedo da oltre 10 anni. Nel 2014 ho deciso di iniziare il mio percorso da imprenditrice fondando una mia azienda, che ho fatto nascere e crescere fino al mio exit. A quel punto ho sentito la necessità di creare qualcosa che potesse aiutare le donne a superare le discriminazioni, anche al fine di vedere sempre più donne imprenditrici, che credono nei propri sogni e che quantomeno provano a fare questo passo. Terminata quell’esperienza ho sentito il bisogno di fare qualcosa per evitare che altre donne vivessero ciò che avevo vissuto io. Negli anni ho partecipato a molte attività di divulgazione attraverso docenze e talk rivolti alle donne, e dalle domande che mi ponevano – e mi continuare a porre adesso –, ho capito che purtroppo manca ancora oggi un percorso di mentoring che accompagni le donne dopo gli studi e durante la loro carriera professionale. Ancora oggi mi scrivono in tante per chiedermi consigli sulla loro carriera. A questa esigenza vuole rispondere Women XImpact.

All’evento avrai grandi ospiti, donne che ce l’hanno fatta e che occupano un posto rilevante nella società. Saremo noi donne a regalare ai nostri figli un mondo più equo e inclusivo?

Certo, le donne che hanno raggiunto posizioni di rilievo nella società possono essere un esempio positivo per le generazioni future e contribuire a creare un mondo più equo e inclusivo. Tuttavia, non dobbiamo dimenticarci che non è solo responsabilità delle donne, ma di tutta la società, lavorare insieme per raggiungere questo obiettivo. Le donne possono certamente fare la loro parte nell’educare i propri figli e diffondere valori come l’uguaglianza di genere, la diversità e l’inclusione. Inoltre, le donne che occupano posizioni di rilievo nella società possono utilizzare la loro influenza e la loro voce per promuovere politiche pubbliche e aziendali che favoriscono l’uguaglianza di genere e l’inclusione. Ma è importante ricordare che l’uguaglianza di genere e l’inclusione sono questioni che riguardano l’intera società, e quindi sia uomini che donne devono essere impegnati in questo processo di cambiamento.

Abbiamo sicuramente qualche lettrice interessata a lavorare con te, quali qualità deve avere e come può candidarsi ?

Sono felice di sapere che ci sono lettrici interessate a lavorare con me! Per quanto riguarda le qualità che cerchiamo nei candidati, diamo sicuramente molta importanza a alle conoscenze e alle competenze: cerchiamo persone con una buona formazione e una vasta gamma di competenze. Ma soprattutto, riteniamo fondamentali la passione e la curiosità, la capacità di lavoro di squadra e la capacità di problem solving! Per candidarsi e/o essere sempre a conoscenza delle posizioni aperte, seguite la pagina di WomenXImpact sui nostri social altrimenti potete anche scrivermi direttamente inviando il vostro curriculum a [email protected].